CRACKING COBRA

Una parete di granito suddivisa da una fessura singolare, larga appena da infilarci dentro le dita. E’ sicuramente la regina delle vie trad del Nord America, non solo per essere tra le più dure del genere ma anche per la sua storia, per il nome dei suoi salitori e per quel suo sviluppo che sale sinuoso come un serpente fino a quell’incastro di dita che “fa tremare le vene e i polsi”. Cobra Crack (8c), nel Cirque of the Uncrackables, è diventata famosa in tutto il mondo grazie al film First Ascent. Qui infatti, nel 2006, lo svizzero Didier Berthod tentò e ritentò quelle terribili sequenze senza venirne a capo. Fu il canadese Sonnie Trotter a liberare la via proprio quell’anno.

Nel 2008 Cobra vide la ripetizione da parte degli specialisti Nicolas Favresse, Ethan Pringle e Matt Segal mentre nel 2009 furono Will Stenhope ed il fuoriclasse giapponese Yuji Hirayama a salirla. Stop per due anni quando Alex Honnod nel 2011 fu il solo noto a ripeterla. Nel 2013 non poterono mancare i Wideboyz Will Stanhope e Tom Randall quindi break fino al 2016 quando fu scalata da Ben Harnden.

La prima salita di quest’anno è di Mason Earle, fortissimo fessurista. Da quando Mason l’ha provata per la prima volta, nel 2009, questa via non ha fatto altro che richiamarlo a Squamish. Nel bene o nel male, Cobra Crak è diventata parte della sua storia. A Mason si devono anche molte prime salite o prime libere di vie in fessura estreme, come The Price of Evil (5.13) a Indian Creek e Real Talk (5.13+) a Lower Mill Creek o Heart Route (5.13b V10) e Psycho Bitch (5.13b) in Yosemite, ma è nel 2015 che compie una delle sue salite più spettacolari liberando un’assurda fessura a Barlett Wash costata tre anni di tentativi: 35 metri di incastri di dita su parete continuamente strapiombante.

Cracking Cobra è il film presentato da Eddie Bauer che racconta l’impresa dell’estate appena trascorsa.


Cobra Crack is the de facto kingline of North American trad climbing. A stunning wall of overhanging granite split by a singular seam, barely wide enough to get your fingers into; it’s a crack climber’s dream. Since Mason Earle first tried Cobra Crack in 2009, the route has called him back to Squamish, BC again and again. For better or for worse, the route has become a part of his history. Take a look as Mason goes back to confront the Cobra this past summer. This is Cracking Cobra.